Per saperne di più: ravioli e agnolotti 2
in Per saperne di più

Per saperne di più: ravioli e agnolotti

Da italiani, è impossibile non amare la pasta ripiena: che si tratti di ravioli, tortellini, agnolotti… la soddisfazione è sempre garantita!

C’è però un grande dubbio da chiarire: qual è esattamente la differenza tra ravioli e agnolotti? Non è facile avere le idee chiare in merito, anche perché si fa spesso confusione, come ho spiegato in questa puntata di Segreti in Tavola.

Ecco tutto quello che c’è da sapere al riguardo:

1. Una delle principali differenze tra ravioli e agnolotti è nel ripieno: gli agnolotti, tipica pasta piemontese dalla forma tradizionalmente quadrata, prevedono un ripieno di carne (solitamente di arrosto), mentre la denominazione “raviolo” è molto più generica, in quanto indica semplicemente pasta ripiena, che sia tonda o quadrata, ripiena di verdura, formaggio, carne, pesce o anche un misto di ingredienti.

2. Insomma, si potrebbe forse dire che gli agnolotti sono un tipo di ravioli. D’altronde fino al 1814 nei ricettari esisteva solo la parola raviolo, e la nascita degli agnolotti, fortunata invenzione di un cuoco piemontese, si fa risalire proprio a quell’anno.

3. Oggi, però, la differenza è ben marcata, soprattutto in Piemonte. I ravioli permettono molta più libertà, mentre la ricetta classica degli agnolotti è ben definita e piuttosto severa, e anche i condimenti tradizionali sono pochi: sugo di carne e arrosto; burro, salvia e parmigiano; ragù alla piemontese; in brodo di carne.

4. Nelle altre regioni, invece, si fa un po’ più di confusione: spesso si utilizzano i due termini in maniera quasi intercambiabile, a volte aggiungendo anche i tortellini al mazzo.

5. Vi svelo qualche piccolo segreto per preparare al meglio ravioli e agnolotti. Innanzitutto dopo la preparazione dell’impasto non siate impazienti, perché bisogna sempre lasciarlo riposare per almeno 30 minuti nella pellicola trasparente per favorire la formazione della maglia glutinica. Dovrà anche risultare un po’ più umido rispetto a quello della pasta fresca, per facilitarne la chiusura intorno al ripieno (comunque, in caso la sfoglia fosse ancora troppo secca al momento della chiusura, basterà inumidirla con un velo d’acqua o di albume sui bordi). Dopo aver fatto riposare l’impasto, stendete la sfoglia fino a renderla molto sottile. Una volta aggiunto il ripieno, al momento della chiusura assicuratevi che non ci sia aria all’interno del singolo raviolo o agnolotto, facendo aderire molto bene la sfoglia alla pallina di ripieno ed eliminando eventuali bolle d’aria, che lo farebbero gonfiare in cottura. A proposito di ripieno, assicuratevi che non sia né troppo umido né troppo secco. Per quanto riguarda la cottura, per dare più carattere alla pasta vi consiglio di utilizzare sempre il brodo (che sia vegetale o di carne) invece della solita acqua salata.

Ti potrebbero interessare...

Per saperne di più: le ciliegie

Per saperne di più: alici, acciughe e sardine

Per saperne di più: le patate

I consigli per vivere 100 anni del Dr. Carlo Maggio

Per saperne di più: l’amaranto

Cosmofarma e Spazio Nutrizione

Per saperne di più: la cipolla

I consigli che allungano la vita del Dott. Fatone

I consigli per vivere 100 anni del Dr. Maurizio Nordio

Per saperne di più: il pepe

Io mangio bello!

Buon Pomodoro San Marzano Day!

Per saperne di più: il caviale

Per saperne di più: il limone

Per saperne di più: il mangosteen

I segreti per vivere 100 anni del Prof. Roberto Colombo

I Consigli per vivere 100 anni del Dr. Herbert Rainer

Per saperne di più: la barbabietola rossa

Per saperne di più: l’origano

Per saperne di più: la cannella

Per saperne di più: il prezzemolo

Per saperne di più: il mate

Per saperne di più: l’ananas

Per saperne di più: il mirtillo

Per saperne di più: le barbabietole

Per saperne di più: le taccole

I segreti di lunga vita del Dott. Fausto Bellabona

Per saperne di più: le zucchine

Per saperne di più: baccalà e stoccafisso

Per saperne di più: il teff

I consigli per vivere 100 anni della Dott.ssa Daniela Malagò

Per saperne di più: la vaniglia

Per saperne di più: olio extravergine di oliva

Per saperne di più: le carote

Per saperne di più: l’Erba di grano

Per saperne di più: le bacche di Acai

Per saperne di più: il miele

Per saperne di più: il finger lime

I Consigli per vivere 100 anni del Dr. Antonio Pasciuto

Per saperne di più: il tartufo

I consigli di lunga vita della Dott.ssa Bassanino per cominciare al meglio il 2016

Per saperne di più: il porro

Per saperne di più: lo yuzu

Per saperne di più: i latti vegetali

Per saperne di più: frullati, centrifugati e succhi vivi

Per saperne di più: l’avocado

Per saperne di più: gli spinaci

Per saperne di più: l’umeboshi

Per saperne di più: lo zenzero

Per saperne di più: il pomelo

Per saperne di più: il polpo

Buon Carbonara Day!

Per saperne di più: la banana

I consigli del Professor Montagnier per vivere 100 anni

Per saperne di più: la pera

Per saperne di più: la quinoa

Per saperne di più: la melanzana

Per saperne di più: i peperoni

I consigli per vivere 100 anni del Dr. Stefano Fais

Per saperne di più: lo scalogno

Per saperne di più: il cumino

Vino e Salute a Barolo: intervista al Dott. Micheal Apstein

Per saperne di più: il vino

Per saperne di più: la spirulina

Per saperne di più: il Goji

Per saperne di più: il cardamomo

Per saperne di più: l’Aloe

#iomangiobello al Sanit 2015

I consigli per vivere 100 anni della Dr.ssa Claudia Arcovio

Per saperne di più: il finocchio selvatico

Per saperne di più: il mango

I consigli per vivere 100 anni del Dr. Sandro Michelini

Per saperne di più: il riso

Per saperne di più: la curcuma

Per saperne di più: la papaya

Per saperne di più: gli anacardi

Per saperne di più: la menta

Per saperne di più: il farro

Per saperne di più: la manioca

Per saperne di più: i legumi

Per saperne di più: il basilico

Per saperne di più: il rosmarino

Per saperne di più: il melograno

Per saperne di più: il pomodoro

Per saperne di più: il kale

Per saperne di più: la soia

Per saperne di più: il tonno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *